blakman di blakman
VIP 9176 punti

il corno di Orlando, parafrasi

Morte di Orlando


Orlando sente che la morte lo invade,
dalla testa sul cuore gli discende.
Sotto un pino se ne va correndo,
sull’erba verde s’è coricato prono,
sotto di sé mette la spada e il corno.
Ha rivolto il capo verso la pagana gente:
l’ha fatto perché in verità desidera
che Carlo dica a tutta la sua gente
che da vincitore è morto il nobile conte.
Confessa la sua colpa rapido e sovente,
per i suoi peccati tende il guanto a Dio.

Commento

L'avanguardia dell'esercito di Marsilio ha vita difficile, nonostante la netta superiorità degli uomini;i paladini di Carlo combattono con perizia e indomito coraggio, li sostiene la fede nel loro Dio e la lealtà per il loro Re. Ma verso il volgere della giornata Marsilio sopraggiunge con il resto dell'esercito,altri 300.000 soldati e per gli eroi di Carlo è troppo. Al quinto attacco i cavalieri cristiani restano in sessanta.Orlando allora, stremato nel corpo e nell'animo, suona l'olifante. Non perché il Re possa aiutarli, ma perché venga a vedere cosa resta della gloria del suo esercito.

Il corno di Orlando, parafrasi


Orlando inizia a comprendere che lo sta per cogliere il momento della morte,
capisce ciò a partire dalla ragione fino al suo corpo.
A questo punto di reca correndo sotto un albero di pino,
si è disteso in posizione chinata su una distesa d'erba verde,
sotto il suo corpo posiziona sia la spada sia il corno (l'olifante con cui stremato nel corpo e nell'anima inizierà a suonare).
Rivolge il suo capo verso i musulmani:
l'ha fatto perché desidera realmente
che Carlo Magno dica al suo popolo
che lui, il nobile conte Orlando è morto da vincitore.
Egli confessa sovente le sue colpe in maniera veloce,
e a causa dei suoi peccati si rimette nelle mani di Dio.
Registrati via email