Ominide 1505 punti

Racconto e novella

Si intende, con il termine di novella, una narrazione breve in prosa che esprime una vicenda semplice e conclusa, i cui protagonisti appartengo alla sfera del quotidiano. A differenza del racconto, la novella è contraddistinta da un'impronta più realistica. Novella e racconto, però, hanno delle caratteristiche in comune:

• hanno un'ambientazione realistica o verosimile, anche quando narrano vincente fantastiche;

• di solito si riferiscono ad un preciso contesto storico-geografico;

• i personaggi sono dotati di un notevole spessore psicologico.

L'origine della novella risale ad antichissime tradizioni orlai. Alcuni studiosi hanno identificato il punto di origine nell'antica India. Successivamente, sarebbe arrivata in Occidente verso il XII secolo. Altri, invece, dicono che già tra i Greci ed i Romani c'erano dei novellisti e che sia un'emanazione del genere epico.

Nell'Ottocento, la novella diventa protagonista di una rinascita. I tedeschi Johann L. Tieck ed Ernst Hoffman diedero vita al racconto fantastico, mentre Edgar Allan Poe diede vita ai racconti del terrore o di genere poliziesco. I più bei racconti del realismo russo turno scritti da autori come Aleksandr Sergeevič Puškin, Nikolaj Vasil'evič Gogol' ed Ivan Sergeevič Turgenev. In Francia, invece, si afferma la narrativa naturalistica. Essa esercitò una forte influenza sulla novellistica italiana verista di fine Ottocento.

Alla fine del XIX secolo la novella acquistò sempre di più una connotazione meditativa. Alcuni autori, come Luigi Pirandello ed Italo Svevo, scrissero racconti quasi privi di intreccio e di azione.

Registrati via email