rooccoo di rooccoo
Ominide 50 punti

IL BLOODY MARY

Maria I Tudor

Introduzione storica

Maria I Tudor (Greenwich 1516 - Londra 1558) fu regina d'Inghilterra dal 1553 al 1558). Figlia di Enrico VIII e della prima moglie Caterina d'Aragona, il 6 luglio 1553, alla morte del fratellastro Edoardo VI, divenne l'erede legittima al trono.

Caterina d'Aragona

Sua madre, regina d'Inghilterra dal 1509 al 1533, fu la prima e più amata moglie del re Enrico VIII e rivestì un ruolo importante nella storia, poiché lo scioglimento del suo matrimonio diede l'avvio alla Riforma protestante in Inghilterra. Dei sei figli nati dal primo matrimonio, sopravvisse solo una femmina, la futura regina Maria I Tudor.
Nonostante Maria fosse, appunto, l’erede legittima, il Lord ciambellano John Dudley, duca di Northumberland favorì la successione della nipote, Lady Jane Grey, proclamandola regina il 10 luglio, ma il paese sostenne e appoggiò Maria. Di formazione cattolica e profondamente legata alla Spagna, Maria inaugurò il proprio regno con l'abolizione di ogni riforma religiosa attuata dal padre: innanzitutto ripristinò la messa e ristabilì l'autorità del papa, ma quando si trattò di restituire alla Chiesa i territori confiscati da Enrico VIII, il Parlamento inglese si rifiutò di ratificare il provvedimento. Maria, nonostante ciò, restituì le proprietà che la corona ancora possedeva. Infausto fu il suo matrimonio, nel 1554, con il cattolico Filippo II, re di Spagna. La notizia del fidanzamento venne accolta in Inghilterra con una violenta rivolta, capeggiata da Thomas Wyatt, che si prefiggeva di deporre Maria e proclamare regina la sua sorellastra Elisabetta, la futura Elisabetta I. Lo zelo religioso e l'assoluta intransigenza che caratterizzarono il suo regno valsero alla regina l'appellativo di "sanguinaria"; sotto di lei le persecuzioni religiose si inasprirono e quasi trecento persone furono condannate a morte con l'accusa di eresia. Di salute cagionevole, morì nel 1558, abbandonata dai sudditi e dal marito, ormai interessato alla cognata Elisabetta I, che le succedette al trono.

La ricetta

1 misura di vodka
2 misure di succo di pomodoro
1/3 di misura di succo di limone
1 goccia di salsa worcestershire
sale e pepe a piacere

Agitate bene gli ingredienti col ghiaccio e versate filtrando in un bicchiere da vino.

Carta d'identità

Famiglia: highballs (versione IBA)
Qualità: poco alcolico
Base alcolica: Vodka
Metodo: shaker o direttamente nel bicchiere
Bicchiere: tumbler medio
Decorazione: foglie di sedano

La storia del cocktail

Scomodata la storia per dare un nome a questo cocktail piuttosto noto. Il barman inglese che lo creò si è infatti ispirato alla figura della regina d’Inghilterra, Maria I, salita al trono nel 1553, fervente cattolica ma molto poco tenera con le altre confessioni religiose, tanto da meritarsi l’appellativo di “Maria la sanguinaria” (appunto, Bloody Mary) per le sue feroci persecuzioni. Il succo di pomodoro è il rosso suggello ideale per questo cocktail.

Paese d’origine del cocktail

Il Regno Unito, da secoli guida e affascina il mondo. Molti pensano solo a Londra, ma Londra è altre città di per se affascinanti, sono solo una piccola parte dell'universo britannico. Non si sa bene perché, ma tutti gli Europei trovano irresistibile lo stile britannico, l'umorismo, il tempo così peculiare, la letteratura, l'arte, lo sport, l'industria, lo stile di vita in genere e quel carattere così tipico che si è formato dal momento in cui Guglielmo il Conquistatore invase, ultimo straniero a farlo, le isole britanniche.Il Regno Unito, anche chiamata Gran Bretagna, capitale Londra, comprende l'Inghilterra, il Galles, la Scozia e l'Irlanda del Nord nelle Isole Britanniche.

Registrati via email