Questo cereale dal nome scientifico Avena sativa viene coltivato specialmente nelle zone temperate fredde del Nord Europa, USA e Russia. Si usa come eccellente foraggio per gli animali e talvolta viene impiegato nell'alimentazione umana per la preparazione di prodotti alimentari dietetici.
I suoi derivati comprendono:

  • i fiocchi d'avena si ottengono da chicchi torrefatti e schiacciati dopo vaporizzazione. Si utilizzano fra l'altro per preparare il muesli considerato ottimo per una sana ed energetica colazione;

  • il porridge viene preparato dai popoli anglosassoni ed è a base di farina d'avena abbrustolita.
  • Gli sfarinati d'avena possono essere impiegati per la panificazione purché siano preventivamente miscelati con farina di frumento.
    Dal punto di vista nutritivo l'avena è un alimento altamente energetico particolarmente indicato nelle astenie da superlavoro fisico ed intellettuale. Risulta scarsamente digeribile per l'elevato contenuto in cellulosa e in alcuni soggetti predisposti può irritare l'intestino e dar luogo a fenomeni di allergia. Tra le sostanze minori troviamo l'avenina, alcaloide con proprietà tonificanti e l'auxina che è un ormone vegetale.

    Le fibre solubili dell'avena sono ritenute particolarmente utili per abbassare il livello di colesterolo nel sangue.

    Hai bisogno di aiuto in Cucina?
    Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
    Registrati via email