Bevande alcoliche: se si con moderazione
Il corpo umano è capace di metabolizzare senza danni una certa quantità di alcol etilico. La dose giornaliera di alcol accettabile è di 0,6 g/kg di peso e si ritiene che 1g di alcol/kg di peso è la quantità massima da non superare assolutamente. Comunque è scientificamente dimostrato che un consumo moderato di bevande alcoliche sembra esercitare effetti positivi sul sistema cardiovascolare e apparato digerente. Chi non ha problemi di salute o di peso può concedersi il piacere del consumare bevande alcoliche e superalcoliche con la massima moderazione. L’alcol deve essere evitato nell’infanzia, nella gravidanza e nell’allattamento. L’alcol è capace di attraversare la placenta e passare nel latte materno danneggiando così il bambino. E bene:
- se si consumano bevande alcoliche di farlo con moderazione;
- non consumare le bevande alcoliche a stomaco vuoto ma durante i pasti;
- preferire bevande alcoliche a bassa gradazione come vino e birra;
- astenersi dall’assumere bevande alcoliche durante l’età evolutiva (bambini e ragazzi con età inferiore a 18 anni), sconsigliato anche alle donne in gestazione e allattamento;
- ridurre il consumo di alcolici nella terza età;
- non consumare alcolici quando si assumono medicinali e moderare il consumo e/o astenersi dall’assumere alcolici quando si presentano occasioni in cui è necessaria maggiore attenzione e rapidità di riflessi (guida di autoveicoli).
Le bevande superalcoliche hanno un alto potere energetico (1g/7 kcal), che però non forniscono principi nutritivi e data l’alta gradazione alcolica, il loro consumo deve essere effettuato con moderazione. Gli effetti dell’abuso da alcol sono a carico:
- dell’apparato digerente, l’alcol provoca irritazioni alle mucose, all’esofago e allo stomaco;
- del fegato, organo maggiormente colpito in quanto si svolge il metabolismo dell’alcol. Le cellule usano l’alcol per produrre energia che comunque comporta un aumento dei trigliceridi che si accumulano nelle cellule. Si può anche arrivare nei casi gravi alla degenerazione del tessuto epatico (cirrosi);
- del sistema nervoso, con conseguenze di manifestazioni psichiatriche (dipendenza, allucinazioni);
- dell’apparato cardiovascolare, l’alcol può provocare scompensi cardiaci e dilatazione dei vasi capillari con conseguente degenerazione arteriosa;
- del sistema immunitario, poiché viene abbassato il livello delle difese immunitarie del nostro corpo.

Registrati via email