Erectus 630 punti

Scelte che portano alla qualità di un prodotto

La qualità è l’attitudine di un prodotto, basata su proprietà intrinseche e caratteristiche esogene che soddisfano le necessità dei consumatori.
Per ottenere un prodotto di qualità bisogna seguire alcune scelte agronomiche che sono:
* innovazione della varietà: trovare delle varietà con caratteristiche diverse che meglio si adattano ai gusti del consumatore;
* scelta del portainnesto più idoneo;
* scelta forma ed impianto allevamento;
* uso di reti antigrandine;
* concimazione e irrigazione;
* diradamento: si usa per migliorare la qualità del prodotto;
* scelte del luogo idoneo;
* rintracciabilità: sono delle informazioni che riguardano tutte le fasi della produzione del prodotto;
* coltura biologica: vengono usate delle tecniche di produzione che non utilizzano prodotti chimici. Il biologico propone di ottenere l’aumento delle loro difese naturali, migliorare la resistenza alle avversità, salvaguardare l’ambiente e la salute del consumatore. Con il biologico si ottengono migliori produzioni, una qualità migliore per quanto riguarda gli aspetti della salute, un rischio maggiore all’attacco di patogeni e litofagi, alcune colture richiedono cure maggiori per i parassiti;
* produzione integrata: utilizza la lotta integrata e viene usata per tutte le colture, per ottenere dei prodotti di qualità, nel rispetto della salute umana e dell’ambiente. I punti principali della produzione integrata sono: scelta della cultivar, materiale vivaistico, ambiente giusto per quel prodotto, portainnesti idonei. Il coltivatore che segue le norme di produzione integrata deve compilare delle schede di autocertificazione (quaderno di campagna dove scrive tutte le tecniche colturali). Il prodotto che ottiene poi avrà un marchio.
* norme ISO 9001: sono delle norme per dare una garanzia ai consumatori;
* marchio: è un segno, una parola, un simbolo che identifica il prodotto.
* DOP: denominazione di origine protetta. Viene dato a tutti quei prodotti dove il loro processo produttivo avviene in un posto ben preciso (es. Parmigiano Reggiano). E’ un marchio di qualità che viene dato a quegli alimenti le cui caratteristiche dipendono dal territorio dove sono stati prodotti.
* IGP: indicazione geografica protetta. E’ un marchio che viene dato a quei prodotti dove alcune fasi della lavorazione vengono fatti in posti diversi. DOC (denominazione di origine controllata), DOCG (denominazione di origine controllata e garantita) e IGT (indicazione geografica tipica) vengono usati soprattutto per i vini.

Prodotto Tipico:
E’ un prodotto che è legato alle caratteristiche di un determinato luogo e clima.

Prodotti di qualità:
Sono tutti quei prodotti a cui viene dato un marchio: DOC, IGP, IGT, DOC, DOCG.

Registrati via email