Erectus 630 punti

Elimntosporiosi del mais

Colpisce soprattutto le foglie, dove si hanno delle macchie strette e allungate.
A seconda della specie colpita si hanno vari attacchi:
- helminthosporium torcium: è quella più diffusa, e provoca delle lesioni di 10-15cm
- helminthosporium madis: provoca delle macchie più piccole, 2 mm di lunghezza, che con il passare del tempo si uniscono tra di loro. Si divide in due razze “O” e “T. Quella a “T” oltre a provocare danni sulle foglie attacca anche le guaine, il culmo e si può avere il marciume del tutolo. La razza “O” attacca solo le foglie e fa danni più piccoli. Le foglie dissecano, e si può avere un minore accumulo di amido nella cariossidi che possono sviluppare poco e crescere poco.
Il fungo si conserva come spora agamica o come micelio nei residui della vegetazione infetta o nei semi.

La lotta è di tipo agronomica preventiva con delle precauzioni chimiche.
La lotta agronomica consiste:
- utilizzo di varietà resistenti
- utilizzo di rotazioni adeguate e nell’interramento dei residui della vegetazione infetta.
Le precauzioni chimiche sono la concia del seme.

Registrati via email