Erectus 630 punti

Coltivazione Biologica del Frumento

Scelta Varietale
La scelta della varietà va presa in base alla destinazione del prodotto e in relazione alla qualità della farina.
La scelta della varietà deve essere effettuata tenendo conto delle caratteristiche pedoclimatiche del territorio, in particolare della resistenza al freddo e della natura del terreno. Il frumento duro è più sensibile alle basse temperature, mentra si adatta meglio al clima più caldo e asciutto. Bisogna scegliere delle varieà resistenti alle malattie e prendere in considerazione anche il portamento della pianta. In agricoltura biologica si prendono in considerazione le seguenti varietà:
- frumento duro: sineto, adamello, appio
- frumento tenero: manital, pandas, brasilia, mec, centauro, serio, eureka.

Lavorazioni e concimazioni
Non devono essere fatte lavorazioni profonde, ma arature leggere (di una profondità massima di 30cm). L'aratura leggera crea una buona struttura del terreno, favorisce l'attività biologica degli organismi del suolo. Quando si fa la preparazione del terreno bisogna usare degli attrezzi che evitino la rottura delle radici delle infestanti perchè si potrebbe avere un loro aumento.

In certe stagioni precise è meglio fare la semina su sodo, per evitare di danneggiare la struttura del suolo. La concimazione del frumento deve essere fatta con letame compostato che deve essere incorporato al terreno in superficie nella preparazione del letto di semina. Si può utilizzare anche del letame maturo, mentre è da evitare il letame fresco perchè favorisce lo sviluppo di infezioni fungine a livello delle radici e del colletto delle piante.

Semina
La semina si fa con il sistema a file semplici (con una distanza tra le file di 15-20cm) o a file binate. La profondità deve essere di 3-5 cm. La quantità di seme che viene utillizzata nel biologico è superiore al 20% di quello che si utilizza nel metodo convezionale, si utilizzano oltre i 240 Kg/ha di semente.

Avvicendamenti e rotazioni
Gli avvicendamenti e le rotazioni soo molto importanti perchè aiutano a mantenere e incrementare la fertilità del suolo, ridurre la competizione con le infestanti e controllare i parassiti. Il frumento essendo una pianta depauperante la sua maggiore resa la da quando l'avvicendamento e nella rotazione sono inserite delle colture miglioratrici come la leguminosa da granella, colza, prati di leguminose e graminacee. Ma può essere anche inserito anche dopo una coltura da rinnovo come il mais, il pomodoro, la patata, il girasole. Sono delle colture che lasciano il terreno in buone condizioni e con una ridotta presenza di infestanti.

Controllo delle erbe spontanee
Il controllo viene fatto seguendo delle strategie come:
- rotazione colturale: facendo cura alle colture che ci sono state in precedenza si evita lo sviluppo delle infestanti
- consociazioni:
- lavorazioni del terreno e adozione della falsa semina: si basa sulla preparazione in anticipo del letto di semina per far germinare le infestanti, che poi andranno eliminate
- concimazione equilibrata: si fa per rendere la pianta più resistente agli attachi dei parassiti
- epoca di semina: se ci sono dei periodi troppo precoci facilitano l'emergenza della flora spontanea
- densità di semina: è meglio aumentare del 10% la densità normale di semina per ottenere una maggiore copertura del terreno, per non far venire fuori le infestanti
- scelta di varietà a portamento prostato: determina una maggiore copertura del terreno, riduce la presenza delle infestanti.

Controllo degli agenti patogeni e di danno
Il frumento è soggetto all'attacco di gravi malattie fungine come l'oidio, le ruggini, carie e carboni, mal del piede,...; ma può essere anche attaccato da insetti in particolare dagli afidi.
Per combatterli ci sono varie metodologie, che sono:
- scelta di varietà resistenti
- avvicendamenti e rotazioni
- concimazioni equilibrate: bisogna fare un giusto rapporto equilibrato di azoto e fosforo pre rederere la pianta più robusta;

Se c'è un eccesso di azoto ci possono assere degli attacchi da oidio e alcune infestazioni da parte dell'oidio
- densità di semina ottimale: serve per ridurre l'umidità, se si utilizzano semine troppo fitte, si può far favorire il diffondersi del mal del piede

- buon drenaggio del terreno: per evitare ristagni idrici che favoriscono le infezioni fungine
- impiego di seme sano e concia delle sementi: la concia viene fatta con dei prodotti a base di rame per combattere carie e carboni.

In agricoltura biologica è permesso l'utilizzo dei prodotti fitosanitari per la conservazione delle sementi raccolte. Per ottenere una buona conservazione, la raccolta della granella deve essere fatta nel momento più opportuno di maturità e quando i valori di umidità sono compresi tra l'11 e il 13%.

Registrati via email