vero_89 di vero_89
Ominide 447 punti

Cambio cribo-vascolare /b]

È meristema, che con la sua attività forma la struttura secondaria della pianta.
In una specie erbacea le cellule che si trovano tra il metaxilema e il metafloema di un fascio vascolare si differenziano tutte in tessuti di conduzione; invece nelle specie legnose hanno la capacità di dividersi e costituiscono i settori del cambio intrafasciale.
Più tardi le cellule parenchimatiche che si trovano tra i fasci vascolari si sdifferenziano e iniziano a dividersi dando origine alle porzioni del cambio interfasciale; che si connettono a quelle del cambio fascicolare.
Interfasciale e intrafasciale sono dei termini che si possono utilizzare fino a quando il cambio è giovane; ma dopo 2-3 anni le parti che si sono formate non si riescono più a distinguere, e si usa il termine “cambio cribo-vascolare”.
Durante il periodo di crescita iniziano ad entrare in attività i meristemi primari che si trovano negli apici dei fusti e delle radici.

Più tardi compare anche il cribo-vascolare, quindi i due tessuti coesistono.
Durante la stagione di crescita successiva, dal meristema apicale si sviluppa in direzione dell'asse una nuova struttura primaria, e al suo interno si forma un nuovo anello di cambio vascolare in continuità di quello dell'anno prima.
Il cambio vascolare è un meristema molto semplice, perchè contiene solo 2 tipi di cellule, le iniziali fusiformi e le iniziali dei raggi o iniziali radiali.

Iniziali fusiformi
Le iniziali fusiformi sono cellule allungate e affusolate, di liunghezza variabile.
Quando una iniziale fusiforme si divide, lo fa secondo un piano longitudinale con un setto parallelo alla circonferenza del cambio (setto periclinale), originando due cellule allungate; dove una rimane iniziale fusiforme e l'altra si differenzia in una cellula dello xilema secondario o del floema secondario; secondo la posizione occupata rispetto alle iniziali di partenza.
Se la cellula cambiale rimane in posizione esterna, l'altra interna si differenzia in elemento xilematico secondario.
Al contrario, se la cellula interna è cambiale, si differenzia un elemento del floema secondario.
In ogni caso, in ogni divisione una delle due cellule rimane cambiale e l'altra si differenzia.
Le cellule cambiali dividendosi formano cellule figlie sottili che si distendono prima del differenziamento; quelle che si trovano all'interno, che maturano in xilema secondario, aumentano il loro diametro spingendo all'esterno le cellule cambiali.
Visto che il cambio è un cilindro, e fa un movimento centrifugo, le cellule del cambio vascolare si dividono anche longitudinalmente secondo dei piani anticlinali.

Le iniziali fusiformi hanno le pareti primarie sottili (come le cellule meristematiche dell'apice), e i plastidi sono sotto forma di proplastidi, contengono dei piccoli granuli d'amido.
Dopo la divisione del nucleo si forma il fragmoplasto, che compare prima al centro e poi si allarga fino a raggiungere le pareti laterali della cellula.
La divisione delle cellule nelle specie con iniziali fusiformi lunghe dura circa 10 giorni; invece nelle cellule del meristema apicale della stessa pianta dura meno di 19 ore.

Iniziali dei Raggi
Le iniziali dei raggi sono corte ed hanno forma più o meno cubica.
Compiono delle divisioni cellulari secondo dei piani periclinali, e formano due cellule figlie; dove una rimane iniziale radiale cambiale e l'altra si differenzia o in elemento parenchimatico dello xilema (quando si trova all'interno) o in elemento parenchimatico del floema (quando è all'esterno).
Le iniziali radiali sono raggruppate in brevi file verticali, delle dimensioni di una singola cellula (raggio uniseriato), di due cellule (raggio biseriato) o di diverse cellule (raggio multiseriato).
Le iniziali fusiformi sono disposte in file orizzontali regolari (cambio stratificato) o irregolari (cambio non stratificato).
Di solito un cambio vascolare non ha regioni di sole iniziali fusiformi o di sole iniziali di raggi.
Infatti, dopo che le iniziali fusiformi hanno fatto un certo numero di divisioni anticlinali, alcun cellule fusiformi iniziano a dividersi in tutte e due i lati, secondo piani trasversali formando delle iniziali radiali.

Registrati via email